Pubblichiamo il comunicato del presidente di LFI Seri sulle nuove norme che limitano la velocità sulla nostra unica linea ferroviaria. Un altro colpo alla disastrata mobilità casentinese e alla vivibilità della valle! Quanto ci vorrà ora per raggiungere o tornare da Arezzo? Come faranno i pendolari e gli studenti ad arrivare in tempo? Speriamo che, vista la convinta dichiarazione sulla massima sicurezza della linea espressa da Seri, questo provvedimento non venga applicato alla linea del Casentino. Non ne possiamo davvero più, se si vuole che questa valle divenga un luogo di riposo per anziani e un’amena meta di gite e merende, lo si dica; chi ci lavora, ci studia, ci vive e magari vorrebbe che il suo futuro fosse qui, ha bisogno urgente di risposte. Anzi, no di risposte, ma di fatti concreti!

 

Comunicato agli Utenti della linea ferroviaria Sinalunga-Arezzo-Stia/Pratovecchio

Gentili Clienti, in data 15 settembre 2016 è stato pubblicato un Decreto che individua le reti ferroviarie che passano dalla competenza del Ministero dei Trasporti a quelle dell’Agenzia Nazionale della Sicurezza Ferroviaria (ANSF).

In data 26 Settembre 2016 l’ANSF ha emanato un provvedimento urgente che detta nuove regole in materia di sicurezza per l’esercizio ferroviario su tutte le ferrovie ex-concesse presenti in Italia, compreso il Gruppo LFI, molto piu’ stringenti rispetto a quelle del Ministero dei Trasporti.

Il Gruppo LFI, come tutte le altre aziende ferroviarie italiane è OBBLIGATO a rispettare le nuove disposizioni, nonostante l’elevato grado di Sicurezza della nostra Linea.

Il tema della Sicurezza Ferroviaria rappresenta la priorità assoluta per le aziende del Gruppo LFI ed è documentato dagli investimenti effettuati nel tempo sia per la dotazione di apparecchiature tecnologiche, ne è la prova che lo stesso 26 di Settembre il CdA ha approvato gli atti di gara per il sistema di supervisione della marcia del treno (ERTMS) finanziato con circa 20 milioni di euro dalla Regione Toscana, sia per la costante attività di formazione e aggiornamento del personale; investimenti ed attività che anche Voi Utenti avete mostrato di gradire promuovendoci a pieni voti (primi in graduatoria), in una recente indagine di soddisfazione della clientela effettuata dalla Regione Toscana.

Tutto cio’ premesso Vi informiamo

 che a partire dal prossimo 1 ottobre 2016, in virtù delle nuove disposizioni, anche i nostri Treni dovranno viaggiare ad una velocità che non potrà superare gli 80 Km/h e fare una battuta di arresto in prossimità di alcuni passaggi a livello.

Tutto questo provocherà, inevitabilmente, alcuni disagi sui tempi di percorrenza.

Stiamo con forza cercando di dimostrare in tutte le sedi Istituzionali che questo provvedimento, oltre a creare disagi ai tanti utenti che quotidianamente utilizzano con fiducia e fedeltà i nostri servizi, non è appropriato ad una realtà che possiede un elevato grado di sicurezza come la nostra Linea Ferroviaria.

Certi di quanto abbiamo fatto fin d’ora non possiamo però non scusarci, preventivamente, per i possibili disagi che dovrete subire.

 Il Presidente Gruppo LFI spa

Maurizio Seri