fbpx
12.3 C
Casentino
lunedì, 10 Maggio 2021

I più letti

L’associazione Ideando in Casentino

di Martina Naccarato – Proprio pochi giorni fa, l’associazione socioculturale Ideando di Castiglione del Lago si è rinnovata, ciò significa che dopo 16 anni di attività i “veterani del mestiere“ hanno deciso di lasciare il timone a un gruppo di giovani del paese e l’hanno fatto mettendo mano sia allo statuto che al direttivo, tant’è vero che Ideando ha cambiato anche nome ed è diventata Ideando re-generation.

Il diciannovenne Adriano Bertone ha preso il posto di Andrea Sandrelli in presidenza, il giovanissimo “comandante“ di questa nuova brigata è già attivo da anni nelle istituzioni studentesche. Insomma, quello che è avvenuto meno di una settimana fa, non è stato soltanto un semplice passaggio di consegne, ma bensì un cambio generazionale che si è rivelato molto significativo ed emozionante. Sono tantissime infatti le idee e le proposte d’iniziativa che i giovani nuovi arrivati hanno in mente e alle quali stanno già lavorando con impegno e dedizione. Inoltre, sono numerosi e diversi tra loro anche i temi sui quali l’associazione intende sensibilizzare i compaesani e l’intera società, dal dialogo intergenerazionale, al rispetto per gli animali, alla diminuzione della dispersione scolastica, passando per la valorizzazione delle diversità individuali e l’inclusione dei soggetti con disabilità nella nostra quotidianità.

Il fatto che il gruppo associativo sia volutamente composto da persone giovani e meno giovani racchiude dentro di sé uno scopo dell’associazione stessa, ovvero, la comunicazione efficace ed efficiente e lo scambio di opinioni pacifico e costruttivo tra generazioni diverse.

Ẻ proprio partendo da questa caratteristica interna che Bertone parla del nuovo progetto associativo di Ideando: «Le iniziative dell’associazione – spiega il presidente – sono legate alla sua peculiarità strutturale: essendo un gruppo composto da più anime generazionali, da giovani e meno giovani che, come detto in precedenza, cercano per una volta di dialogare, orientando lo sguardo verso un progetto di sviluppo generazionale, di prevenzione e inclusione, sia in ambito ambientale che sociale. Ampio spazio dev’essere dato a fasi di dibattito e di sintesi da cui possano nascere proposte concrete sui temi d’interesse comune. L’obiettivo principale è quello di riaprire un dialogo che includa i diversi spicchi della società, generazioni apparentemente distanti, ma che devono rincominciare a comunicare e collaborare per costruire passo dopo passo una società solida e armonica».

È da queste parole che l’intero gruppo riparte rinnovando dal punto di vista della forma e della sostanza, senza però mai dimenticare né ciò che è stato né i tanti progetti che in passato l’associazione ha ideato, sostenuto e realizzato.

Vogliamo concludere questo articolo comunicandovi un’importantissima novità: per la prima volta un’associazione socioculturale con sede legale a Castiglione del Lago, intende “approdare“ nell’aretino, nello specifico, in Casentino e lo fa grazie alla preziosa collaborazione di due giovani soci che vivono nella zona. Lo scopo principale della creazione di questo “ponte“ tra l’Umbria e la Toscana è quello di compiere azioni cosiddette ad ampio spettro, facendo partecipare ai vari dibattiti ed alle varie discussioni più persone possibile, in modo da arricchire costantemente il patrimonio sociale e culturale di Ideando re-generation.

Ultimi articoli