fbpx
23.5 C
Casentino
martedì, 22 Giugno 2021

I più letti

Lo scivolo di Giani

Non è servito il grido disperato che si è levato dai Sindaci del Casentino (non tutti, per la verità): “Salvate l’incarico di Ceccarelli, lo vogliamo ancora assessore regionale!” Nel momento a cui si sta pensando a tutte altre cose, è salito prepotente all’ordine del giorno, sulla scena politica provinciale e casentinese, il proseguo della carriera politica in Giunta toscana di Mister 18.000 preferenze, pardon Mister 15.000. E questo patohs è sfociato in una tragicomica ed epica battaglia, svolta all’interno del PD tra zingarettiani e post renziani, tra chi voleva Lui e chi la De Robertis. E se non faceva l’assessore, diamogli almeno il posto di prestigio di presidente del consiglio regionale, che diamine!
Noi abbiamo umilmente suggerito invece il caso di farlo riposare; cinque comodi anni da consigliere regionale non sono da buttar via (soprattutto per lo stipendio, non proprio quello di un operaio metalmeccanico), un avvicinamento soft alla pensione, dopo tanto lavoro per il nostro territorio e tante inaugurazioni (buffet inclusi).
Sappiamo come è andata: zio Eugenio, il Biden di Empoli, non ha preso in considerazione nè la De Robertis nè Ceccarelli, lasciando il territorio aretino senza nessun rappresentante nei posti che contano della macchina ammministrativa regionale.
Ceccarelli è stato nominato Capogruppo del Pd, carica politica che, a livello amministrativo e per il Casentino, conta meno di quella dell’Araldo della Giostra del Saracino di Arezzo.
Una sorta di lungo “scivolo” insomma, che Giani ha apparecchiato per il Nostro, verso una meritata pensione, dopo tanti e tanti e tanti anni in politica.
La nostra copertina vuole rappresentare proprio questo, in tono ironico e anche affettuoso. In fondo, senza Ceccarelli, ricordando tutte le battaglie fatte, la sua richiesta di 150.000 euro di “danni”, tutti gli articoli e le copertine (qui alcune sotto di quelle memorabili del passato), di chi possiamo parlare d’ora in poi?…
Già ne sentiamo la mancanza…

(tratto da CASENTINO2000 – nr. 324 Novembre 2020)

Ultimi articoli