fbpx
33.7 C
Casentino
lunedì, 27 Giugno 2022

I più letti

Pellegrini della Pace in Casentino

Siamo tutti coinvolti in questa lunga crisi che pare interminabile poiché non si tratta di una crisi solamente economica ma piuttosto di natura culturale ed anche epocale, forse si tratta della chiusura di un ciclo storico.
Lo scopo della nostra iniziativa è quello di dare una risposta alla crisi globale, segnata da atroci guerre, massacri, distruzioni del (retaggio) culturale e da disastri naturali cercando di promuovere la pace e la riconciliazione tra popoli e individui. La risposta è: darci pace.

Assistiamo da qualche tempo ad un fenomeno positivo e spontaneo, la passione che si sta diffondendo in tutto il mondo per il Pellegrinaggio, per il camminare insieme alla ricerca di spiritualità, fratellanza e condivisione di gioie e sofferenze, di bellezza ed entusiasmo. Il camminare insieme verso mete fisiche, tangibili, quali Santiago di Compostela, Roma, Assisi, Gerusalemme, e verso mete ideali quali la riconciliazione tra popoli divisi da ideologie e religioni e interessi diversi.

Il pellegrinaggio è nello spirito di un crescente numero di persone in ogni nazione e continente. Questa è una occasione da non perdere per chi si propone di cambiare le cose.
La caratteristica più prominente della modernità è l’interdipendenza: tra macro e microcosmo, tra culture e religioni, tra politica, economia, ambiente, etica, …
La pace non è solo frutto di un azione politica o una nostra conquista, ma frutto dell’apertura a un dono la cui natura più profonda è essere grazia.

L’uomo planetario, che cerca il camminare assieme, è simbolo di una nuova umanità, vibrante di speranza. Il vivere deve essere sentito come un dono prezioso e non come un sacrificio o un inferno. La Pace è l’essenza della Luce.

Aprendomi alle idee acquisite nel tempo, ispirate ad un mio quadro dal titolo “Il monaco pellegrino, cercatore della luce ”, del 2013, dipinto in seguito ad una visione dall’alto dal Passo dei Mandrioli della luce promanante dalla Valle del Casentino. Il Casentino Valle della Luce, e da cui scaturiscono l’impulso creativo nella ricerca della meta e il Pellegrinaggio verso Gerusalemme.

Una conferenza sulla vecchia chiesa di Soci del Medioevo, organizzata dal GAC alla
Villa La Mausolea, ha rivelato molti particolari segreti, dei quali il più interessante è: il pellegrinaggio. Fin dai primordi l’uomo è stato un pellegrino su terra sacra in cammino verso il luogo santo.

Ecco come è nata l’idea di unire i grandi santuari della Valle della Luce:
Camaldoli, La Verna, la Madonna del Sasso, Romena, Vallombrosa. Unire questi luoghi di grande spiritualità in quello che sarà un LOOP di una Rete Mondiale di Cammini con al centro Gerusalemme.

Ritenendo che il periodo ideale potesse essere la tarda primavera, si ha scelto la settimana della Pentecoste per questo evento. Credenti o non credenti, quando siamo in cima alla vetta e sentiamo il volo dell’aquila, siamo tutti molto vicini a Dio.

Abbiamo chiamato gli amici William Rossi Vannini, Carlo Lovari e Giovanni Caselli per creare e ricostruire uno dei percorsi più frequentati dai pellegrini del passato: la Via delle Pievi “Sentiero dei Figli della Luce“, ideale per il pellegrinaggio della Pace. Abbiamo progettato 5 tappe di lunghezza ragionevole per complessivi 102 chilometri prevedendo pause per il riposo serale in luoghi sacri o comunque importanti. .

”Il sentiero Anello della Pace”, lungo 102 chilometri, conduce alla riscoperta degli antichi cammini che collegano monasteri, luoghi mariani, maestà, santuari nel Casentino sovrapponendosi alla rete mondiale delle quale fa parte la Via Romea Germanica, in un significativo collegamento tra il percorso locale (di San Vicinio), e il grande itinerario di pellegrinaggio transnazionale. Il cammino che ne deriva tocca i quattro punti cardinali in un anello (LOOP) che simbolizza il Casentino come Valle della Luce.

Questi importanti percorsi, del nostro passato, possono essere vissuti in modi molto diversi: per devozione come in origine, come momento introspettivo personale favorito dalla lenta andatura del camminare insieme, per una ricerca di spiritualità e come attività generatrice di Pace. Tutto questo percorrendo uno spaccato della nostra bellissima Italia all’interno della nostra Terra.

Questo Pellegrinaggio strumento di pace, non è solo per i grandi, ma anche per i piccoli.
E’ stato infatti organizzato dedicando due giorni ai bambini e alle persone che non sono abituate a camminare a lungo.

L’EVENTO “PASSIONE”: PELLEGRINAGGIO DI PACE IN UNA TERRA TORMENTATA organizzato da Silenceart in collaborazione con la Pro loco di Soci e l’unione dei comuni del casentino che ne hanno concesso il patrocinio prevede nello stesso momento oltre al pellegrinaggio, un artwork, creando così un evento nell’evento: una fusione di arte contemporanea con la tradizioni del pellegrinaggio religioso e il recupero di tradizioni storiche, come la rievocazione del 30 maggio alle ore 10 di un richiamo storico: il carro allegorico di Dante Alighieri canto del paradiso XXXII, XXXI, tirato da un cavallo bianco, il quale porta l’albero del Maggio e della Pace, simbolo della terra. Sacra è la terra sulla quale il pellegrino di pace cammina, per riflettere su aspetti essenziali della pace, primo tra tutti il rispetto reciproco, conditio sine qua non per donare, favorire e custodire la pace.
Si tratta di rievocare e narrare la pace di ieri per garantire il suo riaffermarsi oggi o assicurare il suo ritorno domani. Con la corona infiocchettata dell’albero della pace che verrà intrecciata durante una danza folcloristica il 31 maggio alle ore 17

Il palcoscenico degli eventi è il nucleo medievale del borgo di Soci. Il festival può essere quindi considerato un rigeneratore del passato artistico – culturale. Il centro della valle sarà la vecchia chiesa di soci con sue forti testimonianze di luogo di pellegrinaggio nel medioevo

Silenceart ha creato in collaborazione con la pro loco con la collaborazione del oratorio di Soci, due giornate intense con i bambini che mettono in scena uno degli eventi più spettacolari: il teatrino della pace dei burattini creati dai bambini di soci, e non solo…..

In questa occasione sarà organizzato una passeggiata per il borgo con degustazione di
“PANE DEL PELLEGRINO E VIN SANTO” attorno alla torre medievale di Soci, con piatti tradizionali legati al tema del Festival

Silenceart ha invitato numerose importanti personalità della cultura e dell’arte al livello nazionale e internazionale, Italia, USA, Germania,
Raimon Panikkar, India-Spagna, (con video clip)
Floyd Red Crow Westerman, pellerossa degli Stati Uniti d’America, (con video clip),
Ahmad Shamlou, Iran ( video clip )
Faranno interventi Luca Cesari, Stefania Cardini, Giovanni Caselli, Lucia Ferrati,
Carlo Lovari, Suor Myriam Manca,Cesari Marino, Francesco Pasetto,
Francesco Maria Rossi, Giuliano del Sorbo, Ulrike Schneider

PROGRAMMA

29 maggio, ore 17.30 ex lavatoi di Soci.
“IEROFANIA”. Inaugurazione della mostra fotografica contemporanea e video installazione.
di Stefano Fabrizi,

30 magggio, ore 17.30 vecchia chiesa San Niccolò di Soci
“PASSIONE”. Inaugurazione della mostra di pittura contemporanea, performance, installazione, Stefania Cardini, Ulrike Schneider, Giuliano del Sorbo, presentato da Luca Cesari, poeta e saggista. Lettura di Poesie “DETTI DI LUCE E DI AMORE” di Giovanni della Croce e Santa Teresa d’Avila, letti da Lucia Ferrati, musica in sottofondo di cetra e canti gregoriani
di suor Myriam Manca

30 maggio,ore 19.30 Villa La Mausolea di Soci

BUFFET DELLA PACE

ore 20.30 ”PELLEGRINO DI PACE IN UNA TERRA TORMENTATA”.
Convegno presentato da Francesco Maria Rossi.
“l’amor che move il sole e l’altre stelle” lettura del canto XXXIII paradiso, per il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, a cura di Lucia Ferrati.
Relatori: Carlo Lovari, Giovanni Caselli, Raimon Panikkar (videoclip), Francesco Pasetto,
Cesare Marino, Floyd Red Crow Westerman ( videoclip). Presso Villa La Mausolea.

31 maggio, ore 7.30 vecchia chiesa di Soci partenza del pellegrinaggio
ore 10 pellegrinaggio per i bambini ( gratuito) e per ci non può camminare a lungo,
bambini dipingono per la pace nelle vie di Soci, palloncini con messaggi

01 giugno, ore 15 Piazza Padella di Soci ,Giornata dei Bambini per la Pace
Laboratorio, teatro dei burattini della pace, asini per le vie del borgo, concerto dei bambini,merenda
bambini non pagano

02 giugno, ore 17 Piazza Padella, Poeti per la pace
Cena del poeta, concerto della pace

Un grande applauso per il sostegno agli abitanti, alla Misericordia, all’Oratorio di Soci,
coro OROPHONIA ore 21 del 31 maggio nella pieve di Badia Pradaglia ed la Pro loco di Badia Pradaglia e a tutte le altre Pro loco e a tutti coloro che hanno contribuito con un sincero sostegno per la PACE

INGRESSO LIBERO A TUTTI GLI EVENTI

(escluso il pellegrinaggio, cene, buffet, aperitivo, pernottamenti)
Il pellegrinaggio e libero, però silenceart e la pro loco non ha nessun responsabilità a chi non è inscrito

INFO E ISCRIZIONE DEL PELLEGRINAGGIO ENTRO 19.05. 2015

www.silenceart.eu silenceartinfo@gmail.com
cell.333 139 9722

Ultimi articoli