Nell’ultimo partecipato incontro, è stata data concretezza al nostro PROGETTO PER MONTEMIGNAIO insieme al Consigliere Regionale Donzelli, ed a due importanti relatori il Prof Caselli e la Dottssa Balzani. Ci preme sottolineare la vicinanza di Donzelli alle vicende Casentinesi, questione Santa Mama, questione clandestini, per arrivare alle importanti battaglie in tema di sanità che lo hanno visto sempre presente, e disponibile rispetto alle richieste del territorio. Abbiamo parlato di Regione e Comuni Montani rimarcando, nella pratica quotidiana come al netto dei proclami, la lontananza dalle scelte effettuate rispetto ai bisogni della gente. Per poi finire con la questione Giurlani/Uncem esempio eclatante di questo sistema. Un organismo nato e finanziato per tutelare e rappresentare i Comuni Montani, che tradisce la sua missione distraendo quasi un milione di Euro che sarebbero potuti essere spesi anche per i cittadini di Montemignaio. Il sistema che vuole accorpare i Comuni minori con la motivazione di razionalizzare le spese, calpestando secoli di identità e storia, finanzia con milioni di Euro UNCEM. Senza effettuare, nonostante venga richiesto, gli opportuni controlli. Questo è il sistema, che assieme agli scandali della sanità, sta bruciando il futuro della gente, ed anche nelle elezioni dei piccoli centri occorre tenere presente tali circostanze. Mentre ringraziamo Donzelli per il suo contributo alla riunione,   vogliamo evidenziare un punto importante. Con le elezioni a Montemignaio – sottolinea DINI – si gioca una doppia partita: una livello comunale ed una a livello sovra comunale. Quello che caratterizza PROGETTO PER MONTEMIGNAIO è di rappresentare sempre gli interessi della gente, ed in entrambe le partite giocare nella metà campo opposta del sistema. La nostra è una lista civica libera da ogni possibile condizionamento di sistema nel rappresentare Montemignaio nelle varie sedi istituzionali. Liberi di condividere solo quello che riteniamo essere in linea con i bisogni della gente, ma non condizionabili dalle scelte calate dall’alto. Rispetto a sanità, riorganizzazione del territorio, Unione dei Comuni, fusioni per arrivare alla immigrazione dove le rispettive posizioni assumono una rilevanza politica precisa, noi saremo sempre pronti nel far sentire la voce dei diritti dei tanti rispetto gli interessi dei pochi . Siamo certi che su questo punto si possa dare un valore aggiunto importante e diverso. Inoltre a seguito delle richieste del territorio abbiamo già allo studio, due importanti atti che porteremo negli enti del territorio ed in provincia ed in regione per il riconoscimento delle produzioni tipiche locali: albero di natale e castagna.

A seguire l’intervento di Donzelli, PROGETTO PER MONTEMIGNAIO ha presentato approfondimenti su due punti qualificanti il nostro programma: la costituzione di uno sportello Europa mensile e le grandi potenzialità inespresse del turismo culturale. Il primo punto è stato illustrato dalla Dottssa Balzani titolare di una società di servizi operante nel settore, che ha evidenziato le grandi opportunità rappresentate ma non compiutamente utilizzate dell’accesso ai Bandi Europei. La scusante che non si hanno risorse professionali interne, e quindi si tralascia questa importante materia per PROGETTO PER MONTEMIGNAIO trova una soluzione nel patrocinare l’apertura in convenzione di uno sportello Europa. Questo per aiutare le imprese vecchie e nuove, giovani, start up a rimanere nel territorio. Il secondo punto è stato analizzato dal Prof Caselli, antropologo e archeologo di rilievo internazionale, che ha evidenziato le grandi potenzialità storiche del territorio con particolare riferimento alle antiche vie romane che attraversano il territorio del comune . Potenzialità da poter trasformare, con una politica attenta a tali tematiche in momento di attrazione turistica, e posti di lavoro. Ancora una volta – ribadisce Seghi – appare evidente come la normale amministrazione sia condizione necessaria ma non sufficiente per rimettere in moto Montemignaio. La forza delle nostre Idee aggiunge – Caruso – consentirà di aprire il domani a prospettive diverse e di crescita per il paese. L’entusiasmo dato dalla consapevolezza di poter offrire una valida prospettiva al nostro paese – secondo Masi e Taverni – saranno l’elemento che ci accompagnerà in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Sono orgoglio – conclude Dini – del lavoro svolto che va oltre il momento elettorale . Un gruppo di persone appassionato, con un comune riferimento ideale, unito alla profonda conoscenza del territorio e della macchina amministrativa consente a PROGETTO PER MONTEMIGNAIO di fornire le proposte necessarie alla comunità .

Lista PROGETTO PER MONTEMIGNAIO – DINI SINDACO