Mentre il Casentino vive una grave crisi economica, una geniale trovata di Santini: il gemellaggio con Lipari (!?!). E’ proprio vero che la realtà spesso supera la fantasia e che il genio dei nostri amministratori non ha confini. Chi poteva infatti concepire un gemellaggio tra il Casentino e le isole Lipari che, come dice Santini “può essere costruttivo e portare alla creazione di interessanti itinerari culturali e turistici da condividere tra le due comunità”. (sic)

Dal comunicato stampa, lanciato con legittimo orgoglio e dovuta enfasi, si legge che “l’Unione di Comuni Montani del Casentino è stata ospite presso il comune di Lipari dove si è svolto il gemellaggio istituzionale tra Lipari e l’Unione dei Comuni Montani del Casentino”. Ora le bellissime isole Lipari si trovano a centinaia e centinaia di chilometri dal Casentino e cosa abbiano in comune con il nostro territorio resta francamente un mistero.

Ma in momenti di crisi, quando le nostre aziende sono costrette a licenziare e le famiglie casentinesi faticano ad arrivare a fine mese, è giusto aguzzare l’ingegno e pescare dal cilindro simili trovate. Di ciò ringraziamo il presidente Santini e il carrozzone a 9 posti targato PD: un ente di cui davvero, anche per simili iniziative, non possiamo proprio fare a meno!

Per finire, sarebbe anche importante sapere quanto è costata al Casentino questa lunga e amena scampagnata isolana…

Tags: