Domenica 12 agosto alle 17 alla Galleria d’arte Contemporanea di Poppi (0575 50.22.20)  si inaugura la mostra con opere tra il concettuale ed il surreale di Lorenzo Massart, PANTA REI ED ALTRI capoLAVORI.

 Perché questo titolo?

«Se tutto scorre – afferma Massart – scorrono anche i numeri nei quadranti degli orologi. In questo modo però diventa impossibile calcolare il tempo. Non si potrà dire che oggi è il 9 agosto 2016, che in questo preciso momento sono le ore 26 e ancora peggio, o forse ancora meglio, non si potrà dire quanti anni ha Maria e in quale anno stiamo navigando. Gli orologi non serviranno più!».

M. Cristina Tonelli che ha curato la mostra aggiunge «stare dietro a Massart è un’impresa ma mi sono divertita. I lavori esposti sono tra il surreale ed il concettuale, molto colorati che ti fanno pensare ed anche tanto sorridere. Meritano di essere visti. Ha detto bene chi ha definito Massart un vulcano in movimento o un anti-depressivo naturale basta vedere il suo biglietto da visita che sicuramente anche a Poppi cercherà di distribuire a chiunque».

Tra gli altri capoLAVORI in esposizione ci saranno: “Autoritratto da Cucina“, realizzato con sale e pepe; “Oznerol in lire” e “Oznerol in euro” fatti di soli numeri. In questi due ultimi quadri il passe-partout è di specchio per permettere al visitatore di guardare il quadro e contemporaneamente di pettinarsi o di rifarsi il trucco. Massart è stato il primo artista al mondo a realizzare questo tipo di passe-partout che ha anche brevettato. Un’ultima curiosità: nella brochure di presentazione della mostra sono riportate anche le date di nascita (1954) e di morte (2065) del maestro.

La mostra resterà aperta fino al 2 settembre con orario 16-19.

J.M.