da Gianni Galastri – «Rispetto a quanto apparso sulla stampa e ai tentativi di ingabbiarmi nelle logiche della politica, ribadisco che mi sono candidato perché stimolato dai miei concittadini e dal loro entusiasmo. Non da solo, ma con una lista civica aperta, che unisce il valore delle persone alle cose giuste da fare.

I candidati e il programma ne sono la testimonianza. Non mi interessano le dinamiche della politica: non mi appartengono. Sono un uomo libero che conosce soltanto il mondo del lavoro.  Ben venga l’appoggio dei partiti e delle associazioni, per l’apprezzamento della mia persona, dei miei candidati, del nostro programma.
Mi interessano i problemi del Casentino e le soluzioni da proporre. Parlo, ho parlato e parlerò con tutti quelli che lo desiderano.  Ma sono un uomo libero, la casa che ho costruito accoglie le idee e la sensibilità di tutti. Invito tutti a partecipare agli incontri e a contribuire al perfezionamento del programma. Invito tutti a sostenermi perché le nostre idee diventino realtà.
Se eletto sarò il sindaco di tutti e risponderò soltanto ai bisogni dei miei cittadini.»