fbpx
8.7 C
Casentino
sabato, 29 Gennaio 2022

I più letti

Ho fatto… Capanna!

Il tiro al panforte, una tradizione scomparsa, è tornato alla ribalta, grazie alla Pro-loco di Strada in Casentino che due anni fa, prima del Covid, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, ha proposto una prima esperienza nelle frazioni del Comune di Castel San Niccolò, andando nei locali e nei bar, allestendo un torneo che si è rivelato un successo. Come non ricordarsi di questo tradizionale gioco natalizio che si svolgeva la sera a veglia e anche nei bar dei paesi di tutto il Casentino! Gli amici, qualche bicchierino… le imprecazioni per i tiri sbagliati o la gioia di aver fatto una bella “capanna”. Chi perdeva pagava il panforte, che a fine gioco veniva aperto e mangiato, naturalmente diventato morbido, dopo tutte le cadute sul tavolino del gioco, spesso e volentieri anche per terra.

A Strada hanno pensato bene di provare ad andare oltre, facendolo diventare un torneo casentinese, visto il successo di due anni fa. Il 5 dicembre, durante la tradizionale Fiera dell’Albero di Natale, si è svolto il primo trofeo casentinese di TIRO AL PANFORTE in collaborazione con la Pro-loco, il Comune di Castel San Niccolò e Auser Arezzo, il tutto presentato da Stefano Sabatini. Il torneo si è svolto in Piazza Matteotti sotto le Logge del Grano, posto perfetto per giocare perché coperto, ma allo stesso momento all’aperto, per garantire le normative Covid.

Tabellone a 32 squadre (maschile-femminile-mista) che si sono sfidate ad eliminazione diretta al raggiungimento di punti 7. I punti si ottengono tirando un panforte da 350 gr. incartato, su un tavolo lungo 2,20 metri e largo 0,80 e posto ad una distanza di circa 3,5 metri. Vince chi tira più prossimo al lato vicino o lontano del tavolo, il miglior tiro la così detta “capanna”, con aggetto maggiore.

Il nuovo torneo ha coinvolto un po’ tutto il Casentino; da Chiusi della Verna a Ortignano, da Lonnano a Lierna, da Pagliericcio a Garliano ecc… Ci sono state anche cinque squadre femminili e una di loro si è fatta valere eliminando diversi maschietti. Il numeroso pubblico si è divertito, i giovani a vedere per la prima volta questo particolare gioco, i meno giovani sono tornati con la memoria a quando erano bambini con tanta emozione negli occhi. Un caso in particolare di un bambino di Poppi che ha chiesto se il prossimo anno si potrà fare anche un torneo per i più piccoli di questo, per loro, “nuovo” gioco.

Sono stati distribuiti 32 panforti, a tutte le squadre perdenti è andato in regalo il panforte così tutti sono stati premiati, i primi classificati si sono aggiudicati la Coppa e un bellissimo cesto natalizio.

Ultimi articoli