fbpx
0.8 C
Casentino
venerdì, 8 Dicembre 2023

I più letti

Casentino Musica fa 25

di Matteo Bertelli – Negli ultimi venticinque anni il Casentino è cambiato molto. Per alcuni tanto – anche troppo forse – per altri ancora troppo poco. Alcune botteghe hanno chiuso le saracinesche e non hanno riaperto più, altre ancora restano lì a ricordarci che alcune cose non se ne vanno via mai. Ma non sono solo le attività commerciali a raccontare l’eredità e la salute della nostra vallata. Ci sono anche una pletora di associazioni e soggetti sul territorio che, negli anni, hanno retto urti, crisi economiche e millennium bug, arrivando fino ai nostri giorni per portare un po’ di divertimento e cultura ai casentinesi.

Tra queste c’è Casentino Musica, un’associazione nata nel 1998 con l’obiettivo di diventare un “punto di attrazione” per tutte le attività musicali di ogni genere. Una realtà che fieramente raccontava la musica nella vallata già nel millennio scorso e che, nonostante l’età, ha portato un punto di vista decisamente attuale sul mondo dell’associazionismo locale: raccogliere stimoli, organizzazione e impegno pratico per poter realizzare qualcosa di utile e unico nel suo genere. Negli anni l’associazione ha organizzato concerti con musicisti nazionali e locali, oltre a un buon numero di stages e corsi di vario tipo con musicisti di rilievo.

Dal 2018 è subentrata una nuova generazione di attivi giovani casentinesi alla guida del direttivo, che hanno continuato sulla strada tracciata riuscendo a rimanere saldi anche attraverso le bufere della pandemia che, come sappiamo, ha colpito duro il settore dell’intrattenimento. Nonostante il periodo, Casentino Musica è riuscita a catalizzare il fermento e la voglia di eventi interessanti portando in scena “La musica nel Borgo”, dove in tre punti strategici di Poppi si sono esibiti artisti locali e da tutta la provincia, e “Boschi Sonori”, una camminata con momenti musicali nei boschi casentinesi. Oltre a questo, sono state attivate anche collaborazioni con altre realtà locali – “Cinebastone” e “La Musica sotto le Stelle” fra tutte – e una serie di format innovativi presso la sede di Becarino, dove si sono alternati nel tempo artisti di tutti i generi, dal pop al rap, fino a toccare anche il Jazz.

Per l’anno del venticinquesimo anniversario sono stati previsti una serie di eventi in grado di interessare target e generazioni differenti, grazie alla varietà stilistica dell’evento stesso e all’ampio spettro di generi musicali offerti. Dopo il “San Patrash”, svoltosi a marzo, potremo tornare ad ascoltare i rapper locali sfidarsi in una freestyle battle nel ring di Becarino durante il “Flow Up”, a giugno. A luglio si terrà invece la quarta edizione del format proprietario “BecarIndie”, con una serie di concerti e mostre di artisti locali. La stagione si chiuderà con “Sarebbe Carino”, una serata sotto le stelle con accompagnamento musicale, ad agosto, e “Aperitivo Jazz”, a settembre.

Ogni evento è stato ideato, organizzato e gestito con l’impegno e la voglia di fare di ragazzi casentinesi, ormai da venticinque anni. Ragazzi che si sono susseguiti nella voglia di rendere reale una necessità: mettere in primo piano la musica anche in una realtà come il Casentino, che non offre sicuramente le stesse possibilità dei grandi centri urbani. Questo non solo per intrattenere gli spettatori, ma anche per dare spazio e visibilità ad artisti locali e, per ultimo ma non di importanza, per rendere un po’ più bella a apprezzabile questa già bellissima vallata.

Per ogni notizia, aggiornamento o – perché no – per rimanere semplicemente in contatto e dare una mano, vi invitiamo a seguirli sui social, oltre che a partecipare numerosi ai vari eventi.

Ultimi articoli